Ufficio stampa Aakhon

Ha aperto la sessione, moderata dal prof. Fabio Bandirali (Chairman di Federimmobiliare), l’Ing. Massimiliano Caruso, Ceo di e-HOME. Massimiliano ha parlato di come le tecnologie esponenziali e le nuove generazioni nativo-digitali, che useranno tali tecnologie, potranno cambiare radicalmente il mondo dell’edilizia e dell’immobiliare. Infine ha lanciato la nuova vision di e-HOME, spiegando, come le parole chiave della V edizione di Rebuild, “digital, circular e social”, potranno essere il fondamento per la nuova “Edilizia 0.0”. L’edilizia del futuro a zero consumi, zero scarti, zero emissioni in atmosfera, zero inefficienze e zero discomfort.

Fin dalla sua prima edizione REbuild ha rappresentato una piattaforma nazionale di analisi e formazione, di networking e business orientata ad innovare il settore italiano delle costruzioni.

Dopo il Ceo di e-HOME si sono alternati Gaetano Galliolo (Ceo di Nidyon), Luca lavinci (Area Manager di myGekko) e l’Ing. Stefano Faganello (Direttore Tecnico di Nilan by Exrg) illustrando le ultime tecnologie utilizzate nel sistema di costruzione e-HOME. Poi è stato il turno dell’Arch. Fabio Baldo (Head of Design and Innovation di e-HOME). Fabio ha presentato alcune best practice di edifici e-HOME monitorati.
Ha chiuso la sessione il Prof. Guenther Gantioler (Presidente del Global Passive Building ed Head of Research di e-HOME) raccontando come, e perché, e-HOME ha deciso di adottare la nuova certificazione ActiveHouse, che dallo scorso mese di Maggio è presente anche in Italia con la nuova associazione Active House Italia, membro dell’Alliance Active House internazionale.